IL GAP DI REDDITO TRA PADRI E FIGLI – ABSTRACT

[Questo articolo è un estratto, la versione completa è disponibile su Kaidan, la piattaforma di formazione dedicata al consulente finanziario: https://kaidan.ecomatica.it/].

Fino ad ora, le nuove generazioni hanno beneficiato di condizioni economiche sempre migliori rispetto a quanto fosse consentito in precedenza. Oggi, nonostante l’innovazione ed il progresso continuino il loro imperterrito cammino, c’è una significativa e preoccupante inversione: in modo sempre più diffuso, i figli guadagnano meno di quanto guadagnavano i loro padri.

Questo peggioramento, secondo le analisi ufficiali di Banca d’Italia, si verifica a due livelli:

• L’avanzamento di reddito durante la carriera è minore che in passato;
• Il compenso con il quale si inizia a lavorare è sempre più basso.

Tale situazione implica trasformazioni non solo dal punto di vista sociale, ma rappresenta altresì un segnale importante dal punto di vista finanziario, almeno per due motivi:

1. Meno capitale umano e più discontinuità lavorativa significa un’ulteriore stretta alle già precarie prestazioni pensionistiche future;
2. Minore reddito a disposizione dei figli significa spesso anche un maggiore impegno economico a carico dei genitori.

Il contesto nel quale viviamo, e di conseguenza le nostre esigenze, sono in continuo mutamento: affrontarle e pianificarle per tempo, attraverso apposite strategie, dovrebbe essere un passaggio naturale per costruirsi da subito un futuro meno incerto.

 



Lascia un commento