POLIZZE LONG TERM CARE, COSA SONO E PERCHE’ NON PUOI FARNE A MENO

Le polizze assicurative Long Term Care sono soluzioni appositamente pensate per fronteggiare la perdita di autosufficienza dovuta ad infortunio, vecchiaia o malattia. Ancora semi-sconosciute, in futuro nessuno di noi potrà farne a meno: vediamo perché.

Secondo la Ragioneria Generale dello Stato (Rapporto n. 18/2017), la spesa pubblica dedicata alla sanità e all’assistenza è destinata ad aumentare, in rapporto al PIL. L’innalzamento delle speranze di vita – che di per sé è una fantastica notizia – determina al contempo un maggiore rischio di affrontare, in terza e quarta età, spese per consumi non discrezionali. In altre parole, serviranno sempre più soldi per curarsi.

L’ISTAT afferma che ogni nato in Italia ha un’aspettativa di vivere in buona salute per 58,5 anni: dopodiché, iniziano acciacchi e problemi. A fronte di questo dato statistico possiamo assumere tre diverse posizioni:

  • Non fare nulla, auspicando che il servizio pubblico nazionale si prenda totalmente cura di noi
  • Risparmiare parte del reddito da dedicare alle spese mediche ed assistenziali, per quando si renderà necessario
  • Proteggersi attraverso strumenti assicurativi che consentano di trasferire il rischio

La prima ipotesi è oggettivamente e tristemente impraticabile. La necessità di costruirsi privatamente un Welfare integrativo non è in discussione: il trend demografico in atto, unito ai problemi strutturali di finanza pubblica, lasciano poco spazio all’immaginazione.

La seconda alternativa può apparire lungimirante: so che ne avrò bisogno, pertanto prendo atto e mi attivo per accantonare risorse finanziarie funzionali a questa specifica esigenza. Tuttavia, l’accumulo e l’investimento metodico dovrebbero essere propedeutici al raggiungimento di progetti e sogni di vita che ciascuno di noi ha. In altri termini, servono a realizzare “cose belle”. Per tutto il resto, per tutti i rischi che possono essere trasferiti, esistono le assicurazioni.

Ed eccoci quindi alla terza possibilità: investire (non spendere!) in coperture assicurative che garantiscano protezione nei confronti di eventi possibili. Nel caso di polizze Long Term Care, la prestazione da parte della compagnia assicurativa scatta in genere quando il soggetto assicurato non riesce, in autonomia, a compiere alcune “attività di vita quotidiana” (activities daily living) come lavarsi, mangiare, vestirsi, muoversi, parlare e così via.

Garantirsi un supporto finanziario in caso di non autosufficienza è un bisogno ancora più importante per le persone che vivono da sole, sempre più numerose nel nostro Paese.

Serve un cambio di passo, uno scatto in avanti prima di tutto culturale, per comprendere il ruolo sempre più crescente e determinante delle coperture assicurative nella pianificazione finanziaria. Serve guardare le cose da un’altra prospettiva, come sosteneva il prof. Keating: i risultati possono essere sorprendenti.



Lascia un commento